L’ecologia profonda

In lettura questo splendido e-book: L’ecologia profonda di Guido Dalla Casa

Questa teoria è veramente interessante, siamo sugli “ultimi giorni” prima della fine del sistema?

Non vediamo gli esiti finali, qua e là qualche problema ambientale più o meno grande e prima di un battito di ali ecco che esponenzialmente si arriva al tracollo! Un bene forse se siamo pronti a cambiare ma a “pochi giorni” i cambiamenti devono essere incisivi e veloci! Non aspettiamoci grandi segnali e manifestazioni naturali evidenti, le avvisaglie sono già abbastanza, i fatti evidenti quando li vedremo forse sarà già troppo tardi!

Save-The-World-Live-Green

< Un altro esempio classico può illustrare ancora meglio il tipo di rapidità nel
tempo dei fenomeni che avanzano con l’andamento “del raddoppio”, che equivale ad aumentare di una percentuale annua costante il valore già raggiunto.
Supponiamo che un microrganismo in crescita esponenziale con raddoppio
giornaliero “uccida” la superficie di un lago e ci metta sessanta giorni a farla fuori
tutta. Se un gruppo di esperti, notando la moltiplicazione del microrganismo, si
recasse a visitare il lago al 56° giorno, cioè a quattro giorni dalla morte totale,
vedrebbe soltanto un sedicesimo del lago già “morto” e tutto il resto bello e
tranquillo: probabilmente se ne andrebbe proponendo solo qualche blando correttivo e scagliandosi contro gli “allarmisti” che ritenevano urgente un rimedio.
È forse istruttivo seguire l’andamento di tale fenomeno (i valori sono arrotondati).
Se il microrganismo ha la superficie di un micron (3) quadrato e la superficie totale
del lago è di un Km quadrato, si ha:
– inizialmente l’area ricoperta dal microrganismo è di un micron quadrato;
– dopo 20 giorni il microbo ha infettato un millimetro quadrato di superficie, cioè
dopo un terzo del tempo totale il fenomeno non è ancora percepibile;
– dopo 40 giorni, cioè due terzi del tempo totale, la superficie ricoperta è un metro
quadrato, cioè il fenomeno è rilevabile solo con grande difficoltà: comunque nessuno darebbe importanza alla cosa;
– dopo 56 giorni, come si è detto, è ricoperto un sedicesimo del totale, cioè il
fenomeno è visibile ma per molti “non ancora preoccupante”.

Dopo altri quattro giorni è tutto finito.

Alla luce di tale andamento esponenziale del fenomeno “civiltà industriale”,
appare perfettamente logico che per un paio di secoli non si sia notata la vera natura
distruttrice di tale civiltà. Infatti i suoi effetti reali sulla Vita non possono evidenziarsi se non pochissimo tempo prima della sua fine: ritornando all’esempio del microrganismo nel lago, chi potrebbe effettivamente accorgersi di un metro quadrato inquinato se è sparso su una superficie di un Km quadrato, cioè un milione di volte più grande? Eppure in quel momento il fenomeno ha già “lavorato” per due terzi del tempo totale a sua disposizione. Quindi la persistenza del modello attuale per due secoli, fatto su cui poggia l’idea di continuazione della civiltà industriale sempre crescente, costituisce invece un’ulteriore prova della sua fine imminente: come si è visto, il modello può esistere senza manifestare la sua vera natura per un tempo quasi uguale a quello della sua esistenza complessiva.

È utile comunque ricordare che l’impostazione al problema ecologico data dai
“limiti dello sviluppo” non è stata sostanzialmente contestata sul piano scientifico, è
stata soltanto ignorata dal mondo ufficiale, impossibilitato ad arrestare una spinta che persiste da due o tre secoli, proprio perché non si può cambiare il modo di vivere senza modificare il pensiero filosofico.

A questo punto viene da chiedersi che senso ha un modello culturale che non può
durare per un tempo indefinito, cioè che ha in sé la certezza della propria fine. …>

https://i1.wp.com/www.terranauta.it/foto/ecologia_profonda1235134223.jpg

Macrolibrasi

metti nel carrello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Shou Dao School

La via della tranquillità

Gruppo Germoglio

Un luogo sulla Terra per il passo dell'Eterno ...

Natura Come Amica

Verso la nascita di una vita sensibile

Amaltea

Verso la nascita di una vita sensibile

genitoricrescono.com/

per imparare insieme il mestiere di genitori

Gaia racconta...

Verso la nascita di una vita sensibile

Mira Bio

Verso la nascita di una vita sensibile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: